TOP torna su

 

Biblioteca

 
Proponiamo qui di seguito una piccola biblioteca di titoli utili alla formazione sociale e politica.
Il criterio di scelta è esclusivamente quello ispirato al tentativo di offrire strumenti che migliorando la conoscenza riducano le differenze tra i cittadini.
L'elenco viene aggiornato sistematicamente (nnuove inserzioni).
n

Balbi Andrea, Dove sono tutti quanti, Rizzoli.
Il volume – con uno stile di scrittura assolutamente piacevole -  fa il punto sulla  ricerca di forme di vita diverse dalla nostra nell’universo.  Dopo aver raccontato le ricerche scientifiche sulle condizioni che hanno favorito lo sviluppo della vita sulla terra, Balbi esamina quali possano essere i pianeti sui quali si possano trovare condizioni simili, e quindi dove si potrebbero trovare altre forme di vita.

n

Barbero Alessandro, Il divano di Istanbul, Sellerio.
L'impero Ottomano.  Origine e storia di un impero immenso, bellicoso e dispotico, un regime tirannico; eppure una straordinaria invenzione di governo multietnico e multinazionale a cui alcuni in Occidente guardarono addirittura come a una desiderabile alternativa.

n

Bierce Ambrose, Il Dizionario del Diavolo, Rizzoli BUR.
Un classico di inizio ‘900. L’Autore polemizza ferocemente svelando il significato di parole e espressioni contro la falsità dilagante e l’ipocrisia umana.

n

Boitani Pietro, Il grande racconto di Ulisse, il Mulino.
Opera  definibile “necessaria” in ogni biblioteca, in cui lo studioso, docente di Letterature Comparate a La Sapienza di Roma, traccia un quadro dell’immortale successo della figura di Odisseo attraverso i secoli.

n

Byung-Chul Han, Nello sciame, Nottetempo
La trasparenza e i dispositivi digitali hanno cambiato gli uomini e il loro modo di pensare. Il soggetto capace di annullarsi in una folla che marcia per un’azione comune, ha ceduto il passo a uno sciame digitale di individui anonimi e isolati, che si muovono disordinati e imprevedibili come insetti. Han si interroga su ciò che accade quando una società – la nostra – rinuncia al racconto di sé per contare i “mi piace”, quando il privato si trasforma in un pubblico che cannibalizza l’intimità e la privacy. E su che cosa comporta abdicare al significato e al senso per un’informazione ovunque reperibile ma spesso non attendibile.

n

Cordini Franco, Istanbul, il Mulino.
Pagine piacevoli ed erudite in grado di accontentare sia l’appassionato di storia sia il viaggiatore in cerca di cultura e d’emozioni: con l’avvertenza dell’Autore di non credere di aver esaurito la visita della città, davvero più vecchia del mondo, nel tempo ristretto di un “weekend”.

n

Fezzi Luca, Il Corrotto. Un’inchiesta di Marco Tullio Cicerone, Laterza.
Roma, 70 a.C.: concussione, peculato e violenza sono al centro del processo che si tiene contro Gaio Verre, ex governatore della Sicilia. Accusatore è Marco Tullio Cicerone. L’inchiesta che segnò la fine di un’epoca.

n

Gardini Nicola, Viva il latino, Garzanti.
A che serve il latino? È la domanda che continuamente sentiamo rivolgerci dai molti per i quali la lingua di Cicerone altro non è che un'ingombrante rovina, da eliminare dai programmi scolastici. In questo libro personale e appassionato, Nicola Gardini risponde che il latino è - molto semplicemente lo strumento espressivo che è servito e serve a fare di noi quelli che siamo.

n

Jenkins Philips, La storia  perduta del cristianesimo, Emi.
Fino al XV secolo cristianesimo e islam hanno convissuto nell’area che va dall’odierna Turchia fino ai confini dell’India e della Cina. Una coesistenza che inizialmente non risultò né problematica né violenta, anzi: nei primi secoli dell’era islamica, ad esempio, gli intellettuali cristiani erano consulenti alla corte del califfo di Baghdad; esistevano sedi episcopali negli attuali Yemen e Afghanistan; quattro vescovi amministravano altrettante diocesi in Arabia; nel 1050 l’Asia Minore aveva 373 sedi vescovili. «Fino al 1250 – scrive Jenkins – si poteva pensare a un mondo cristiano che si estendeva a est da Costantinopoli a Samarcanda, e a sud da Alessandria d’Egitto quasi all’equatore.

n

Marcolongo Andrea, La lingua geniale, Laterza.
Il greco antico è «una lingua che serve ad esprimere un’irripetibile idea di mondo». E Andrea Marcolongo indaga questa idea di mondo per trasmettere una passione. Ne scrive in modo nuovo e ben poco accademico, suscitando un irresistibile  interesse per una lingua che consente di «dire cose complesse con parole semplici, vere, oneste».

n

Russell Gerard, Regni dimenticati. Viaggio nelle religioni minacciate del Medio Oriente, Adelphi.
Mentre abbiamo negli occhi le immagini dello sterminio dei cristiani assiri, o della distruzione dei templi di Palmira, Russell ci racconta di un altro Medio Oriente, una terra di straordinaria diversità religiosa e di scambi fecondi tra culture, e di un altro islam, una civiltà che in passato ha saputo esprimere grande tolleranza verso i culti religiosi pagani. Russell introduce a fedi orgogliose e millenarie – progressivamente stritolate dai blocchi contrapposti delle «grandi religioni mondiali» –, a fedi esotiche e talvolta esoteriche le cui radici affondano nella remota antichità mesopotamica.

n

Vanoli Alessandro, La reconquista, il Mulino.
Esposto in maniera semplice e comprensibile il tema complesso e dibattuto come la difficile coesistenza, sul suolo spagnolo, di cristiani, ebrei e musulmani. L'autore ci propone un lungo viaggio che ci porta alla scoperta della Spagna attraverso i secoli, partendo dalla situazione della penisola iberica prima dell'invasione musulmana.

n

Vanoli Alessandro, La Sicilia musulmana, il Mulino.
Considerandone i tratti peculiari, l'"unicità" soprattutto geografica, molto si può capire degli eventi che condussero all'occupazione islamica della Sicilia. Per due secoli, dal nono all'undicesimo, l'isola fu retta dai musulmani, che l'avevano strappata all'impero bizantino. Un lungo dominio che finirà con la conquista da parte dei normanni. Una presenza cruciale, che ha lasciato tracce incancellabili.

n Il Vangelo
n La Costituzione italiana, Mursia-Renato Fabretti, Arconzo Giuseppe, Stefania Leone
Un completo “racconto” necessario per conoscere la nostra Costituzione chiarendone le origini storiche e culturali. Oltre a far comprendere attraverso quali vicende sia nata e si sia affermata l'idea di Costituzione, gli autori forniscono una intelligente guida alla lettura della nostra Carta fondamentale commentandone ogni singolo articolo e aiutando così la comprensione del testo, comprensione necessaria per avere coscienza dei nostri diritti di cittadini e contrastare ogni forma di sopraffazione da parte del potere.
n

Agasso Renzo, Aula 309, storia del giudice Galli, Sironi.
La storia umana, civile e professionale di Guido Galli: giudice ucciso nel 1980 da Prima Linea nei corridoi dell’Università degli Studi di Milano, dove Galli si sta recando a tenere lezione nell’aula 309. Nel libro si ricostruiscono anche il lavoro di indagine di Galli e la storia di Prima Linea. All’interno di questo gruppo infatti maturò la decisione di uccidere il giudice, sulla base di un cortocircuito etico, logico e politico, che vedeva i peggiori nemici negli uomini migliori dello Stato, capaci di sconfessare la sanguinaria rivolta del terrorismo italiano.

n

Ainis Michele, Privilegium, l’Italia divorata dalle lobby, Rizzoli.
Un’ analisi sferzante e impietosa di questa nostra Italia costruita sulla disuguaglianza, sulla prepotenza, sull’abuso di potenti lobby spesso costituite da incompetenti in malafede, ma accettati da noi tutti nella speranza di poter dividere con loro anche solo qualche briciola di privilegio.

n Ainis, Michele, Stato Matto, Garzanti.
Le storture, le assurdità, i paradossi del sistema politico e istituzionale: fisco rapace, abusi dei partiti, vessazioni della politica, il collasso della giustizia, il trionfo dei parenti sui meriti….
n Allam Khaled, Fouad, L’Islam spiegato ai leghisti, Piemme.
La storia (esemplar-educativa) di una immigrata dal Marocco (con regolare  permesso di soggiorno) che, con tanto di chador, tutti i giorni fa le pulizie nella sede della Lega Nord a Trento.
n

Alvi Geminello, Eccentrici, Adelphi.
I quarantadue personaggi raccontati da Alvi sono stravaganti e folli, ma soprattutto sono uomini e donne che inseguono la vita e vi si perdono. mostrandone l'infinita varietà e potenza. Alchimisti rovinati dall'assenzio, lottatori che combattono contro le tigri a pugni nudi, temerari aeronauti che atterrano sul tetto dei grandi magazzini di Parigi, generali cosacchi buddhisti, digiunatrici poliglotte, trasvolatori infelici, inventori di cannoni eterici, pittori monocromi devoti a Santa Rita. Da Cary Grant a Lovecraft, da Salgari a Pancho Villa, a Buster Keaton

n Arbia, Silvana, Mentre il mondo stava a guardare, Mondadori.
Una donna magistrato, la Arbia, che per desiderio di giustizia, lasciò la Corte d’Appello di Milano per perseguire, in Ruanda, i responsabili di una carneficina che colpì un milione di persone. Un lavoro di nove anni in mezzo all’orrore per giungere alla punizione, da parte del Tribunale internazionale per i crimini di guerra dei colpevoli: politici, giornalisti, preti cattolici.
n
Augias Corrado, Cacitti Remo, Inchiesta sul cristianesimo, A. Mondadori. Saggio fondamentale per chi vuol capire perché la fede cristiana, inizialmente solo una corrente minoritaria del giudaismo, sia riuscita ad imporsi.
n Augias, Corrado e Pesce Mauro, Inchiesta su Gesù, Mondadori.
Un affascinante dialogo tra Augias e uno dei massimi biblisti italiani, il prof. Pesce, per scoprire chi fosse veramente Yehoshua, prima che il mantello della teologia lo coprisse celandone allo sguardo la figura storica.
n Baldelli, Pio, Informazione e controinformazione, Mazzotta

n

Barbacetto, Gianni - Peter Gomez - Marco Travaglio , Mani pulite. La vera storia, Editori Riuniti.
Cronache e racconti, dati e date, carte segrete e retroscena inediti di 10 anni di storia italiana, con le interviste ai protagonisti e ai magistrati del pool e le memorie di Francesco Saverio Borrelli.
n Barbacetto, Gianni, - B. Tutte le carte del Presidente, Marco Tropea Editore.
Lettere, discorsi, articoli di giornale, atti giudiziari: allineando i principali documenti fin qui disponibili l'autore ricostruisce la storia visibile del Cavaliere e quella segreta perché ognuno possa analizzare la vicenda dell'uomo più potente e controverso d'Italia, e formulare la propria valutazione politica, morale, civile.
n Barbacetto, Gianni, Il celeste, Chiarelettere.
Vita e ascesa (e declino) di Roberto Formigoni, presidente della Regione Lombardia ( autodefinitosi “governatore”) e al centro di un sistema  politico-affaristico nato e sviluppato sotto la protezione dei cattolici del movimenti di don Giussani: Comunione e Liberazione  e del suo braccio secolare, la Compagnia delle Opere.
n Barbero Alessandro, Barbari, Laterza.
Immigrati, profughi, deportati nell’ impero romano prima che si esaurisse la sua capacità di gestire la sfida dell’immigrazione e arrivasse al collasso. Una sfida portata da popoli interi costretti a vivere con risorse  insufficienti, minacciati dalla fame e dalla guerra. Una storia che potrebbe sembrare una descrizione del nostro mondo.
n Bazzicalupo, Laura, Superbia, Il Mulino
Ha soldi e potere, tutto gli è dovuto. E’ vanitoso, tutto concentrato sul suo corpo. Questo è il  superbo di oggi ben lontano dal bellissimo Lucifero che si ribella a Dio, da Prometeo che ruba il fuoco o dagli eroi omerici. In questo libro i grandi superbi della cultura occidentale prigionieri delle ideologie e protervi paladini della tecnoscienza che manipola la vita.
n Bianchessi, Daniele, Il Paese della Vergogna, Chiarelettere.
Le stragi dimenticate del nazifascismo e quelle del tempo di pace e la domanda che ne consegue: in che Paese viviamo?
n

Bobbio Norberto , Destra e Sinistra, Donzelli Editore.
Destra e sinistra esistono ancora? Se lo chiedeva Norberto Bobbio nel 1994 chiedendosi anche che se era vero esistessero come fosse possibile che avessero perduto il loro significato e quale fosse questo significato. Tutto dipende da che significato si voglia dare ai concetti di uguaglianza e disuguaglianza e la questione è ancora aperta.

n Bobbio, Norberto, Politica e cultura, Einaudi
"Se tutto il mondo fosse diviso, esattamente, in rossi e neri, mettendomi dalla parte dei neri sarei nemico dei rossi, mettendomi dalla parte dei rossi sarei nemico dei neri. Non potrei stare in alcun modo al di fuori degli uni e degli altri, perché – questa è l'ipotesi – essi occupano tutto il territorio… E, quando quell'ipotesi si avvera, il mestiere dell'intellettuale, che rifugge o dovrebbe rifuggire dalle alternative troppo nette, diventa difficile." [Norberto Bobbio, 1955]
n Bossy, John, L’occidente cristiano, Piccola Biblioteca Einaudi. Cosa accadde nel mondo cristiano nei secoli che ne hanno ridisegnato la fisionomia? La risposta nella conoscenza della società cristiana tradizionale e delle trasformazioni avvenute in questo tessuto nel corso del Cinquecento e il cui risultato portò all’istituzione in tutta Europa della “religione” cristiana, ovvero qualcosa di molto diverso dall’antica cristianità.
n Bracalini, Romano, Paisà, Mondadori.
La situazione disastrosa dell’ Italia liberata descritta in modo efficacissimo e brillante. Dal cinismo ipocrita del “fascistissimo” Leonida Repaci nei confronti dei “liberartori” alle “eroiche” truppe marocchine al comando di un autentico criminale di guerra, il maresciallo di Francia Alphonse Juin.
n Bragantini, Salvatore, Capitalismo all'italiana, Baldini Castoldi Dalai.
I meccanismi che consentono a chi sta al vertice del sistema, di controllare grandissime quote di capitale investendo in proprio solo quote minime, si sono fatti sempre più complicati e fantasiosi. Il risultato ottenuto è sempre lo stesso: consentire alle famiglie di farla da padroni di fronte a un rischio d'impresa ridottissimo. L'autore esamina poi i meccanismi e le strategie di difesa del controllo familiare delle aziende.
n Bragantini, Salvatore, Capitalismo all'italiana. Come i furbi comandano con i soldi degli ingenui, Baldini Castoldi Dalai.
Le vicende del mondo finanziario in questi anni analizzate seguendone l'evoluzione a partire dalla metà degli anni Novanta.
n Braudel, Fernand, Mediterraneo, Bompiani Per conoscere il nostro mondo e noi stessi, Fernand Braudel insieme allo storico George Duby e ad altri studiosi presenta questo grande affresco del Mediterraneo in cui si esaminano la storia, le migrazioni, gli dei, la famiglia, l’eredità, insomma le “mille cose insieme” che è stato il nostro Mediterraneo. “Non una civiltà ma una serie di civiltà accostate le une sulle altre.”
n Briody, Dan, Il triangolo di ferro. Casa Bianca e affari sporchi: i segreti del gruppo Carlyle, ed. Fusi Orari.
Una delle società di investimenti più grandi del mondo, fra i cui soci figurano i Bush padre e figlio, John Major e un fratello di Osama Bin Laden. Il triangolo è formato da industria, governo e forze armate statunitensi.
n
Calamandrei, Piero, Fede nel diritto, Laterza.
Il testo inedito di una appassionata conferenza pronunciata nel gennaio del 1940 da Calamandrei sui confini tra politica e scienza giuridica. «Il diritto non è fatto per me o per te, ma per tutti gli uomini che vengano domani a trovarsi nella stessa condizione in cui io mi trovo. Questa è la grande virtù civilizzatrice ed educatrice del diritto, del diritto anche se inteso come pura forma, indipendentemente dalla bontà del suo contenuto: che esso non può essere pensato se non in forma di correlazione reciproca.» «Nel principio della legalità c’è il riconoscimento della uguale dignità morale di tutti gli uomini, nell’osservanza individuale della legge c’è la garanzia della pace e della libertà di ognuno. Attraverso l’astrattezza della legge, della legge fatta non per un solo caso ma per tutti i casi simili, è dato a tutti noi sentire nella sorte altrui la nostra stessa sorte.» 
n Canfora, Luciano, La storia falsa. Il vero, il verosimile e la contraffazione da Tucidide a Gramsci, BUR.
Esempi clamorosi di doppi giochi e trucchi testuali messi in atto per deviare il corso della lotta politica, esaminati in un'indagine sul filo del rasoio testuale, che ci guida in un universo dove i lapsus, i periodi che si ingarbugliano e gli errori di scrittura si rivelano preziosi indizi di scottanti verità. La fabbrica del falso non conosce soste. ma anche il più abile dei falsari si può smascherare.
n

Canfora Luciano, La biblioteca scomparsa, Sellerio.
La biblioteca dei Tolomei ha incarnato, per un tempo non breve, il sogno che vi possa essere, o sia da qualche parte esistito, un luogo di raccolta di tutti i libri di tutto il mondo. Meritata espiazione dunque sarebbe stata, se ci fu, la fine nel fuoco, consorte dei libri d'ogni tempo. Ma perì davvero nella guerra tra Cesare e l'ultimo dei Tolomei la maggiore biblioteca del mondo antico? Canfora coglie una luce inattesa da un passato più remoto: dalla illusionistica vicenda della biblioteca di Ramsete.

n Cantarella, Eva, I supplizi capitali, Rizzoli BUR
L’unica opera in Italia sul tema della pena di morte nell’antichità  e che analizza sistematicamente origini, significato e funzioni della “morte di Stato” in Grecia e a Roma.
n Cardini,Franco, Il Saladino, Edizioni Piemme
Nonostante il titolo non è una biografia di Salah ad-Din ma piuttosto la storia del formidabile XII secolo, quello in cui la nostra cultura ha voltato pagina:il secolo del ritorno delle scienze e del sapere filosofico al  mondo latino grazie al tramite delle culture arabo-persiana ed ebraica attinte soprattutto attraverso il vettore iberico e della Terrasanta.
n Carofiglio, Gianrico, La manomissione delle parole, Rizzoli
Le parole servono a comunicare e raccontare storie. Ma anche a produrre trasformazioni e cambiare la realtà. Quando se ne fa un uso sciatto e inconsapevole o se ne manipolano deliberatamente i significati, l'effetto è il logoramento e la perdita di senso.
n Carrère, Emmanuel, Limonov, Adelphi.
Strepitoso romanzo basato sulla biografia di una persona reale: un avventuriero nazi-bolscevico, scrittore, poeta,teppista, maggiordomo,mercenario e carismatico capo partito nella Russia del dopo Stalin, negli Stati Uniti miliardari, nell’Europa che nasce mentre muore il comunismo.
n Cavicchi, Ivan, Sanità. Un libro bianco per discutere, Edizioni Dedalo
Uno studio che, analizzando quasi trent'anni di scelte politiche, riesce a individuare i punti di crisi più importanti della sanità pubblica e a prospettare le vie d'uscita per impedirne la fine. Se la politica non corregge per tempo il tiro, la prospettiva è infatti la privatizzazione di alcune parti della sanità pubblica, la mutualizzazione di interi pacchetti di prestazioni e il progressivo razionamento dei servizi ai cittadini
n Ceri, Paolo, La società vulnerabile. Quale sicurezza, quale libertà, Editori Laterza.
Siamo sempre più esposti all'incertezza, che sia quella del mercato del lavoro o quella della scena internazionale: sapremo mantenere la nostra libertà? Una riflessione originale e illuminante sul rapporto tra individuo e potere
n Colombo, Gherardo,  Democrazia, Bollati Boringhieri.
Un piccolo libro (di dimensioni) che illustra in modo chiaro i precetti su cui poggia la denuncia e che sprona a ritrovare un concetto che comporta grandi responsabilità da parte di tutti i “beneficiati” e che è a rischio dimenticanza.
n Crainz, Guido, L’ombra della guerra. Il 1945, l’Italia, Donzelli.
Il libro affronta i nodi principali del passaggio cruciale dal regime fascista alla costruzione della “democrazia dei partiti”, attraverso la letteratura e il giornalismo d’epoca, memorie e documenti d’archivio.
n
D'Ambrosio, Gerardo, La Giustizia Ingiusta, Rizzoli.
L'ex procuratore capo di Milano tratta efficacemente il "disastro giustizia" cui la recente riforma Castelli aggiunge - secondo lui - nuove devastazioni.
n
D’Amico, Marilisa, I diritti contesi, Franco Angeli
Un testo fondamentale per chi voglia impadronirsi dei termini della contesa che si sta sviluppando nel nostro Paese – purtroppo anche in termini straordinariamente accesi -  in specie tra giuristi e politici, sui diritti “fondamentali” divenuti, a ben vedere, diritti “contesi”.  Diritti contesi tra Stati nazionali, Unione europea, Regioni. Ma anche tra legislatore, giudici, cittadini e che riguardano la vita, la fecondazione artificiale, la morte, la famiglia, le donne, le religioni.  Sei lucidi capitoli tutti coronati dall’esame dei casi concreti che la cronaca ci sottopone (Eluana Englaro, il crocifisso nelle aule di giustizia, il velo islamico, il multiculturalismo, la diagnosi preimpianto eccetera) e da una conclusione che ci consegna una chiave per dirimere una contesa altrimenti irrisolvibile: nella tutela di diritti  la luce viene dall’adozione del metodo di analisi laico proprio della democrazia.
n De Monticelli, Roberta, La questione morale, Raffaello Cortina Editore
La corruzione a tutti i livelli della vita economica, civile e politica, la pratica endemica degli scambi di favori, lo sfruttamento di risorse pubbliche a vantaggio di interessi privati, la diffusa mafiosità dei comportamenti. E una sorprendente maggioranza di italiani che approva e nutre questa impresa. Il rimedio è difendere la serietà della nostra esperienza morale, smentendo la convinzione che non esista verità o falsità in materia di giudizio pratico, cioè del giudizio che risponde alla domanda: "Che cosa devo fare?". Anche la politica deve riprendere la via di Socrate.
n de Robert, Daniela, Sembrano proprio come noi, Bollati Boringhieri.
Uno straordinario reportage (pagg. 119) sull’ universo carcerario italiano che svela con acutezza, spirito e umanità, la quotidianità di uno delle principali istituzioni del nostro Paese, il carcere romano di Rebibbia.
n Don Milani, Scuola di Barbiana. Lettera a una professoressa, Libreria Editrice Fiorentina
n

Erodoto, Le Storie, Utet.
Infinite sono le volte che gli uomini si sono chiesti da dove essi provengono. Una risposta la si trova in  Le Storie di Erodoto di Alicarnasso, composte nella seconda metà del V secolo a.C. e che  sono la prima opera storiografica della letteratura occidentale a essere giunta fino a noi nella sua forma completa. Frutto delle numerose esperienze di viaggio e d’esilio che lo storico dovette affrontare quando la sua famiglia cadde in disgrazia presso il tiranno Ligdami, e degli incontri con popoli distanti ed esotici dell’Africa e dell’Asia, l’opera erodotea aveva come scopo quello di riferire gli eventi che, dagli albori della storia, avevano portato allo scoppio delle Guerre Persiane nel 499 a.C., e si conclude pertanto con la vittoria dei Greci e con la conquista di Sesto del 479, che pose fine a vent’anni di conflitto. Ma più che nella narrazione di uno dei momenti chiave della storia della Grecia antica, il valore letterario delle Storie risiede nell’immensa quantità di materiale geografico, etnografico e storico che Erodoto ha raccolto nel corso della sua vita e dei suoi viaggi, che lo portarono dalla Caria all’Oriente, e poi in Egitto, ad Atene e nella Magna Grecia.

n

Flavio Giuseppe, La Guerra giudaica, Oscar Mondadori.
E’ la storia della guerra dei Giudei contro i Romani ad opera dello storico romano di origine ebrea Giuseppe Flavio pubblicata nel 75 a.C., in greco ellenistico e che racconta la storia di Israele dalla conquista di Gerusalemme da parte di Antioco IV Epifane (164 a.C.) alla fine della prima guerra giudaico romana (74 a.C.).

n Flores, Marcello, 1917. La Rivoluzione, Einaudi.
Riflessione storico-interpretativa del processo rivoluzionario avviato in Russia nel 1917 che intende ragionare senza paraocchi ideologici sul senso di uno spartiacque della storia contemporanea.
n
Focardi, Filippo, La guerra della memoria. La Resistenza nel dibattito politico italiano dal 1945 a oggi, Editori Laterza.
Analisi delle caratteristiche del dibattito politico sulla memoria della Resistenza attraverso la lente dei discorsi pronunciati in occasione della Liberazione dalle più importanti cariche istituzionali, da Gronchi a Ciampi, e dai politici più in vista, da De Gasperi a Moro, da Nenni a Togliatti, da Almirante a Fini
n Focardi, Filippo, Il cattivo tedesco e il bravo italiano, Laterza.
Italiani brava gente. Tedeschi tutti crudeli. I due stereotipi legati alla seconda guerra mondiale sono esaminati dallo storico Filippo Focardi. Pur con un “forte nucleo di verità” queste generalizzazioni non reggono all’esame dello studioso quando mette sotto la sua lente i crimini dell’imperialismo fascista (modello per il temporalmente successivo nazismo) e la persecuzione antisemita.
n Fox, Matthew, In principio era la gioia, Fazi Editore.
Una sfida “copernicana” alla tradizione che incentra il cristianesimo sul peccato originale. Una visione che permette di vedere Dio in tutto il creato abbattendo le separazioni anima-corpo, sacro-profano, maschio-femmina, Dio-mondo. Prefazione di Vito Mancuso.
n
Gary, Romain, Educazione europea, Biblioteca Neri Pozza.
La storia della formazione politica e morale di un adolescente che sceglie di combattere nelle file della Resistenza. Sartre lo giudicò il miglior libro scritto sul tema.
n Gauss, Karl-Markus, I mangiacani di Svinia, L’Ancora del Mediterraneo.
Un viaggio nell’ inferno dei rom, tra baraccopoli e sperduti villaggi in un emozionante reportage che è anche una cartografia della diversità. Senza nascondere le differenze e ribadendo la reciproca estraneità.
n Gentile, Emilio, Fascismo di pietra, Laterza.
Il mito fascista della romanità e dell’impero ha lasciato la sua impronta, vistosa e indelebile, nelle strade e nelle piazze della capitale, pietrificato negli edifici, nei monumenti, nei quartieri.
n Gomez, Peter  e Marco Travaglio , L'amico degli amici. Perché Marcello Dell'Utri è stato condannato a nove anni in primo grado per concorso esterno in associazione mafiosa. La requisitoria dei PM e la memoria della difesa, BUR.
n Gomez, Peter  e Marco Travaglio , Regime. Biagi, Santoro, Massimo Fini, Freccero Luttazzi, Sabina Guzzanti, Paolo Rossi, tg, gr e giornali: storie di censure e bugie nell'Italia di Berlusconi, BUR.
Cronaca puntuale, attraverso documenti e testimonianze, dei fatti che hanno portato all'esclusione dai programmi televisivi di noti personaggi dell'informazione e dello spettacolo
n Gundle, Stephen, Dolce vita. Sesso, potere e politica nell’Italia del caso Montesi, Rizzoli.
Il caso Montesi nella ricostruzione dello storico inglese Gundle: nell’assassinio irrisolto di una giovane donna, si nascondono, nel 1963, le radici dei misteri, dei ricatti, dei non ricordo e delle impunità  che tragicamente costellano,  da cinquant’anni, la politica dell’ Italia repubblicana.
n

Helm Sara, Il cielo sopra l’inferno, Newton Compton.
La drammatica storia vera di Ravensbrück, il campo di concentramento nazista per sole donne.
Nel maggio del 1939 centinaia di donne – casalinghe, dottoresse, cantanti d’opera, politiche, prostitute –, provenienti da un carcere comune, raggiunsero prima in treno e poi su camion un luogo nascosto nei boschi a nord di Berlino. Attraversarono, poi, gli enormi cancelli di ferro tra gli insulti, le urla, i latrati dei cani e le percosse delle guardie. Erano le prime prigioniere di Ravensbrück, il nuovo campo di concentramento femminile “modello” ideato da Heinrich Himmler. In sei anni vi furono rinchiuse 130.000 donne, provenienti da più di venti Paesi in tutta Europa. Erano di diversa estrazione, nazionalità, credo politico; solo poche tra loro erano ebree: Ravensbrück serviva ai nazisti per eliminare tutti “gli esseri inferiori”. Zingare, esponenti della Resistenza, nemiche politiche vere o presunte, disabili, “pazze” dovettero sopportare privazioni, sevizie, malattie, lavori forzati, esperimenti “medici” ed esecuzioni sommarie. Negli ultimi mesi di guerra il lager divenne un campo di sterminio, perché era necessario far sparire in fretta “le prove” della sua reale funzione ed entro l’aprile del 1945 vi vennero trucidate tra le 30.000 e le 90.000 donne, molte con i loro bambini. Per anni, fino alla fine della Guerra Fredda, la verità su Ravensbrück è rimasta nascosta. Grazie a interviste esclusive e documenti inediti, Sarah Helm ci offre una vivida ricostruzione e una testimonianza indimenticabile di uno dei capitoli più tristi della nostra Storia

n Holland, Tom, Fuoco Persiano, il Saggiatore.
Perché i popoli dell’ Est e dell’Ovest trovano tanto difficile vivere in pace? Il mito fondativo della civiltà dell’ Ovest nelle vittorie greche di Maratona e Salamina e persino nella tragica sconfitta delle Termopili.
n Hopkirk, Peter, Il Grande Gioco, Adelphi, 2004.
La contesa fra russi e inglesi per i luoghi che oggi si chiamano Turkmenistan, Tagikistan, Afghanistan.
n Hosseini, Khaled, Il cacciatore di aquiloni, PIEMME.
Trent’anni di storia afgana, dalla fine della monarchia all’invasione russa,dal regime dei Talebani fino ai giorni nostri. Il primo grande romanzo epico afgano, uno straordinario caso letterario pubblicato in 12 Paesi.
n Hosseini, Khaled, Mille splendidi soli, Piemme.
Due destini femminili intrecciati dalla guerra afgana per ripercorrere la Storia di un paese in cerca di pace e dove l’amicizia e l’amore sembrano ancora l’unica salvezza.
n Hsu, Kenneth J., La grande moria dei dinosauri, Adelphi Un titolo “infantile” òper un grande libro di scienza scritto in  modo impareggiabile da un geologo cinese di formazione statunitense. Un racconto affascinante sella nascita della Terra e sul “caso” dei dinosauri che incontrarono alla fine del Cretaceo querlla che potrebbe definisrsi, su scala geologica, una “morte improvvisa”.
n Keynes, John Maynard, Le mie prime convinzioni, Adelphi.
Il geniale economista e intellettuale inglese, spiega, nei due testi raccolti nel libro, la ragione prima della nascita della Germania nazista: l’atteggiamento duro e intransigente delle potenze vincitrici della prima guerra mondiale (e di cui Keynes fu diretto testimone). Difficile non cogliere il parallelismo con la situazione economica dei nostri giorni.
n Kressmann Taylor, Destinatario sconosciuto, Rizzoli.
Un viaggio alle radici dell’odio che rappresenta con lucida chiaroveggenza il clima di spietato razzismo in cui maturò l’Olocausto. Un grande caso letterario torna dopo sessant’anni a sorprendere.
n

Langewiesche Wlliam, Terrore dal mare, Adelphi.
Titolo fuorviante per un libro importante per capire come il mare sia in balia di senza legge che mettono a rischio l’intero pianeta. Gran parte delle centoquarantatremila navi che incrociano al largo delle nostre coste appartengono a compagnie di comodo, imbarcano marinai sprovvisti persino di documenti personali, e possono cambiare più volte bandiera e nome durante la navigazione. Gli oceani sono ormai un’immensa distesa anarchica, dove può accadere che carrette pronte per la demolizione affrontino furiose tempeste nel Golfo di Biscaglia, che traghetti di linea colino a picco nel Baltico per un patente difetto di fabbricazione (uccidendo centinaia di persone), che grandi carghi vengano abbordati da un’imbarcazione pirata nello Stretto di Malacca e spariscano nel nulla. E se la vita di molte navi è spettrale, per tante l’ultimo atto ha luogo  sulla spiaggia di Alang, in India, dove un esercito di termiti umane è in grado di ridurre in poche settimane un mercantile al suo scheletro.

n Lerner, Gad, Scintille, Garzanti, Feltrinelli
Il racconto della famiglia di Gad Lerner da Beirut ad Aleppo fino alla regione ucraina di Leopoli e Boryslaw in cui persero la vita gran parte dei Lerner. Un viaggio nel mondo contemporaneo minato dalla crisi  dei nazionalismi e che attraversa nuove e vecchie frontiere. Una storia appassionante.
n Levi Montalcini Rita, Elogio dell’imperfezione, B.C. Dalai Editore
Autobiografia e bilancio dell’operato di Rita Levi Montalcini. “L’imperfezione”- dice – “Ha da sempre consentito continue mutazioni di quel meraviglioso e quanto mai imperfetto meccanismo che è il cervello dell’uomo.
n Liddell Hart, Basil H., La prima guerra mondiale 1914-1918, BUR La tragedia che coinvolge milioni e milioni di persone e che meritò la terribile definizione di Grande Guerra scaraventando l’umanità in un conflitto totale,  raccontata da un esperto di arte militare che offre una ricostruzione puntuale dei fatti e dei retroscena. Un opera fondamentale per completezza, rigore e documentazione.
n Lilie, Ralph-Johannes, Bisanzio–La  Seconda Roma, Newton& Compton Editori
La storia dell’impero romano d’oriente, dalla sua nascita nel 330 D.C. alla sua caduta definitiva nel 1453. Una cronaca storica completa su un impero multiculturale, connubio di civiltà e risultato della fusione delle tradizioni romane, ellenistiche e cristiane di cui le sintesi occidentali ci hanno spesso privato.
n Liberali Sandro,1861-2011 Centocinquantanni di fatti italiani, iTrePontiEditore
DallUnità ai tempi nostri, anno per anno, giorno per giorno i più rilevanti fatti (secondo lautore) che hanno segnato la nostra cronaca e la nostra storia. A corredo una vasta appendice con i dati, e i nomi che hanno caratterizzato i primi centocinquantanni della nostra storia unitaria.
n Littell, Jonathan, Le benevole, Einaudi
Ex ufficiale delle SS, che vive in Francia nascondendo il proprio passato, racconta la sua storia senza alcun rimorso dall’infanzia alla collaborazione con Himmler per riorganizzare i campi di concentramento, fino al crepuscolo del nazismo. Affresco epico e tragico che fa rivivere la tragedia della seconda guerra mondiale dal punto di vista dei carnefici.
n Mancuso Vito, La vita segreta di Gesù, Garzanti Dopo la morte di Gesù si diffusero in tutto il Medio Oriente molte e diverse narrazioni sulla sua vita e sui suoi insegnamenti. Questi racconti furono chiamati “apocrifi”, cioè “da nascondere”, ma in essi accanto ad invenzioni romanzesche sono molte le testimonianze di grande bellezza che rendono il Messia più uomo, più vicino al nostro quotidiano.
n
Manguel, Alberto, Omero: Iliade e Odissea, una biografia, Newton Compton
Le storie e le gesta narrate nell’ Odissea e nell’ Iliade sono profondamente radicate nella nostra cultura e sono all’origine e insieme il caposaldo, della letteratura occidentale, della nostra cultura: partendo dalle origini nell’ antica Grecia, l’autore ci guida alla scoperta delle influenze dei due poemi attraverso lo spazio e il tempo. Fino ai giorni nostri.
n

Mania Roberto, Panara Marco, Nomenklatura, chi comanda davvero in Italia, Laterza.
L’oligarchia dei tecnici dei numeri, delle formule giuridiche, delle teorie economiche, che esercita il potere senza apparire e senza dover rispondere delle proprie azioni. L’inchiesta dei due autori parte da Palazzo Spada (Consiglio di Stato), passa da via XX Settembre (ministero dell’Economia) e arriva a Palazzo Chigi, svelando come la politica si sia ritirata e abbia lasciato il potere all’alta burocrazia.

n Marchesi, Concetto, Liberate l’Italia dall’Ignominia, Edizioni del Paniere
Gli scritti di un padre della Patria per ritrovare il vero volto della Resistenza: non certo quello venuto fuori da recenti scritti polemici, calunniosi e come tali, svuotati dal giusto senso storico.
n

Marone Francesco, La politica del terrorismo suicida, Rubbettino Editore.
Dalla catastrofe dell'11 settembre alla Seconda Intifada palestinese, dalle esplosioni nella metropolitana di Londra del 2005 agli attentati in Iraq, in Afghanistan e in molte altre aree del mondo: gli attacchi suicidi rappresentano una delle forme di violenza politica più impressionanti ed emblematiche della nostra epoca. Questo libro ricostruisce l'evoluzione del terrorismo suicida, e ne esamina le cause, svolgendo l'analisi su tre livelli: il livello individuale dell'attentatore suicida, il livello organizzativo del gruppo armato e il livello ambientale della comunità di sostegno e dell'ambiente circostante.

n

Martinelli Leonardo, Quasi un romanzo, l’economia raccontata a chi non la capisce, Longanesi.
Guidandoci con l’aiuto di classici e di ottimi film, l’autore ci fornisce tutti i chiarimenti necessari per capire lo spread, i subprime, il default, le agenzie di rating e molto altro ancora.

n
Martucci, Pierpaolo, La criminalità economica, Editori Laterza
Una guida ad uso del cittadino a un fenomeno delinquenziale in crescita che danneggia ogni anno migliaia di risparmiatori. I più recenti fatti di cronaca, dal caso Cirio, al crack Parmalat, dimostrano come la criminalità economica sia tutt’altro che debellata.
n

Matvejević Predrag, Breviario Mediterraneo, il Mulino.
Predrag Matvejevic  ricostruisce, in questo fondamentale  elemento di conoscenza (almeno per noi mediterranei) e in  modo piacevolmente narrativo, la storia “geopoetica” del Mediterraneo e dei Paesi che vi si affacciano. Considerato dalla critica come un “saggio poetico”, un “poema in prosa”, un “diario di bordo” o un “romanzo sui luoghi”, infine una “gaia scienza” secondo lo stesso autore, per Claudio Magris è un  “libro geniale, fulminante, inatteso”.

n
Mazzi, Enzo, Cristianesimo ribelle, Manifestolibri., 2008
L’autore è stato tra i principali animatori della comunità dell'Isolotto di Firenze, quartiere del quale è stato parroco fino al 1968. Da sempre impegnato nella battaglia delle comunità cristiane di base, che hanno mantenuto una linea di fedeltà al carattere ribelle del primo cristianesimo, torna con questo libro a quella spinta profonda che portò molti credenti a mettere in questione le gerarchie ecclesiastiche e i nessi tra Chiesa e Potere, riscoprendo la dimensione della comunità socialmente impegnata e vedendo l’esistenza personale e della storia come tracciato dalla schiavitù al riscatto, dalla oppressione alla liberazione, dall’alienazione alla responsabilità, dalla sacralità come dominio esterno alla sacralità intrinseca al tutto, dall’angoscia per la finitezza dell’esistenza, all’accettazione fondamentalmente gioiosa del “nulla creativo” che ci avvolge.
n Mazzoni, Guido, Teoria del romanzo, Il Mulino.
La più importante arte dell’Occidente in una interpretazione complessiva che la pone non solo come fenomeno culturale e genere letterario ma come segno e sintomo della condizione moderna dell’uomo narrando l’esistenza delle persone comuni.
n McCarthy, Cormac, La Strada, Einaudi.
La post apocalisse ha il volto realistico di un padre e di un figlio: nell’orrore indicibile che li circonda, prima di tutto la mancanza assoluta di speranza, restano i cristalli del bene più prezioso. Il loro reciproco amore.
n Melchiorre, Virgilio, Filosofie nel mondo, Bompiani. Il volume (940 pagine) svolge una fondamentale funzione informativa sul pensiero islamico, ebraico, cinese, giapponese, russo, africano, australiano, latinoamericano ed europeo. Inoltre consente una correzione all’eurocentrismo che pure è inevitabile in una storia della filosofia e descrive gli “altri” mondi possibili consentendo di vedere la filosofia occidentale come quello che è: un mondo tra i i mondi.
n
Milton, John, Areopagitica. Discorso per la libertà di stampa, Bompiani.
Il primo testo della letteratura europea dedicato interamente al tema della libertà di stampa e di pensiero, scritto a Londra nel 1644, durante la presa di potere del Parlamento inglese dopo i lunghi anni di monarchia assoluta del re Carlo I, e che offre una nuova e ardita definizione delle libertà individuali che sottendono una società libera e moderna.
n
Muller,Herta, Il Paese delle Prugne Verdi, Keller editore
Premio Nobel per la letteratura 2009, l’Autrice – appartenente alla minoranza di lingua tedesca in Romania – riesce a trovare e a comunicare la poesia anche dal degrado di una intera nazione dominata, negli anni ottanta, dalla polizia segreta e dall’onnipresenza del terrore.
n
Napoleoni, Loretta, La morsa. Distratti da al Qaeda, derubati da Wall street. Come ne usciamo?, chiarelettere.
Chiave di volta della recessione è la risposta americana all’11 settembre. Ripercorrendo le tappe più salienti degli ultimi otto anni, l’autrice rivela i retroscena inquietanti della politica economica bellica statunitense e quelli della crescita della bolla finanziaria immobiliare: la guerra al terrorismo (finanziata con la vendita dei buoni del tesoro sul mercato internazionale resi appetibili dal taglio dei tassi d’interesse) ha fatto sì che una crisi economica ciclica si sia trasformata in un ciclone in grado di minare le basi del sistema capitalista occidentale e frantumare il sogno dell’economia globalizzata.
n
Napoleoni, Loretta, Economia canaglia. Il lato oscuro del nuovo ordine mondiale, il Saggiatore
Viaggio nel nuovo ordine mondiale governato da forze economiche oscure che attraverso incredibili capitali e vaste influenze politiche stanno cambiando la nostra vita.
n
Nuzzi, Gianluigi – Antonelli Claudio, Metastasi. Sangue e politica tra Nord e Sud. La nuova ‘ndrangheta della confessione di un pentito, Chiarelettere
Una prospettiva inedita per capire un fenomeno ormai "vecchio" di trent'anni: un esercito di 1500 persone controlla dagli anni Settanta non solo il traffico di armi e di cocaina’ ma anche un'importante quota della liquidità lombarda. Trent'anni di mazzette (e se necessario di omicidi) per ottenere licenze edilizie e controllare una buona parte degli immobili commerciali del Nord Italia avendo un dominio ferreo del territorio anche grazie alla continua e capillare attività di estorsione.
n Orsina Giovanni, Il berlusconismo, Marsilio Una inedita lettura del berlusconismo (senza Berlusconi) nel suo rapporto con la storia d’Italia. In questo saggio, Orsina, docente di storia contemporanea, esamina il perché del successo di un preciso progetto politico e analizza la “diversa natura” (diversa, non inferiore) di chi ha votato e vota Berlusconi.
n
Paterniti, Giuseppina e Angelo Fodde, Lo stivale di carta. Inchiesta sull'affare immobiliare del secolo, Editori Riuniti.
Affresco ampio e dettagliato della prassi detta cartolarizzazione, cioè la vendita da parte di un soggetto di un flusso di pagamenti futuri o di una attività patrimoniale a una società-veicolo con anticipo del prezzo di vendita.
n
Pedote,Paolo, 101 motivi per credere in Dio e non nella Chiesa, Newton Compton
Gradevole manuale che prova a rispondere a domande serie con aneddoti, riflessioni e doverose indignazioni.
n
Perniola, Mario, Contro la comunicazione, Einaudi.
La comunicazione massmediatica, la cui influenza si estende anche alla scienza, alla politica e alla cultura, è l'opposto della conoscenza. Nel suo rivolgersi direttamente al pubblico, saltando tutte le mediazioni, si rende responsabile di semplificazioni e banalizzazioni estreme che fanno cadere gli aspetti concettuali a favore dell'emozionalità. In tutte le questioni trattate in modo comunicativo gli opposti si mescolano e si confondono, e quanto più estrema, intransigente e radicale è un'affermazione, tanto più essa sollecita e reclama l'affermazione opposta, perché entrambe stanno in un contesto che annulla la loro opposizione.
n
Perrotta, Mario, Emigranti Esprèss, Fandango Libri
L’autore ha dieci anni quando da solo, una volta al mese, percorre in treno tutta la penisola da Lecce per andare a trovare il padre che lavora al nord. Quei viaggi sono occasione di incontro con uomini e donne costretti a lasciare i luoghi d’origine nella speranza di un’esistenza migliore, e che nei paesi di destinazione hanno trovato intolleranza, subito umiliazioni, vissuto condizioni di vita e di lavoro disumane.
n
Pievani, Telmo, Creazione senza Dio, Einaudi
Da sempre c’è chi si oppone  e tenta di screditare le teorie Darwiniane: accusandole di debolezze  e di nefasti esiti. Con chiarezza ammirevole e una buona dose di ironia, in 137 pagine, l’autore ci aiuta a capire il retroterra culturale dei nuovi creazionisti sostenitori di un “Disegno Intelligente” in salsa teo-con.
n Pievani, Telmo, La fine del mondo. Guida per apocalittici perplessi, Il Mulino.
L’autore, storico e filosofo della scienza, ripercorre le ipotesi di catastrofe che l’umanità ha formulato (e attraversato), risultando l’ultima specie sopravvissuta in un mondo che ha visto l’estinzione di almeno il 99 per cento delle forme di vita del pianeta Terra.
n
Pinotti, Ferruccio, Poteri Forti, Bur
Le tappe di una vicenda italiana ricostruita grazie a documenti inediti e nuove testimonianze. Il banchiere Roberto Calvi fu ucciso: perché? Dopo il caso Parmalat e tanti altri disastri finanziari, si sta finalmente cercando di sfondare un muro invisisbile di omertà e reticenza.
n Prosperi, Adriano, Dare l'anima. Storia di un infanticidio, Einaudi
Un fosco caso di infanticidio nella Bologna del 1708 pone un problema moralmente inquietante e diventa crocevia di un acceso dibattito in cui principi teologici, morali e scientifici si scontrano intorno all'essenza della vita e alla natura dell'anima. Fissare l'attimo iniziale della vita è il problema su cui si sono venute progressivamente concentrando conoscenza scientifica e dottrine religiose
n

Quirico Domenico, Piccini Da Prata Pierre, Il Paese del male, Neri Pozza editore.
Il diario dei 152 giorni trascorsi sotto sequestro in Siria che racconta il Male che l’autore vuole in scritto in maiuscolo perché di Male assoluto si tratta che lui ha incontrato insieme a Piccini Da Prata, in un lungo viaggio, durato circa cinque mesi, prioginieri dei “ malvagi, a centinaia, a migliaia”.

n Rizzo, Sergio e Stella Gian Antonio, La Casta, Rizzoli.
L’inchiesta che – con i suoi numeri - ha messo a nudo la classe dirigente italiana.
n Rodotà Stefano, Il diritto di avere diritti, Laterza.
Basta scorrere  l’indice per giustificare la necessità di questo libro che esamina il mondo nuovo dei diritti che ha al centro la persona declinando il diritto alla verità, all’esistenza, all’autodeterminazione, all’identità: testo fondamentale per chi si batte contro le disuguaglianze e il riconoscimento del patrimonio dei diritti che deve accompagnare ogni persona in ogni luogo.
n

Rovelli Carlo, Sette brevi lezioni di fisica, Adelphi
Brevi, comprensibili lezioni di fisica scritte per chi la scienza moderna non la conosce o la conosce poco. Una rapida carrellata su alcuni degli aspetti più rilevanti sulle questioni e i misteri che la rivoluzione avvenuta nella fisica nel XX secolo ha aperto.

n Ruffolo, Giorgio, Quando l’Italia era una superpotenza – Il ferro di Roma e l’oro dei mercanti, Einaudi tascabili.
Roma e le Repubbliche italiane, duemila anni di predominio nel mondo: le ragioni di questa supremazia che non ha avuto paragoni spiegate in un avvincente saggio da un grande esperto di economia.
n

Rumiz Paolo, Come cavalli che dormono in piedi, Feltrinelli.
La storia commovente, eroica e allo stesso tempo umilissima, rimossa e censurata dal fascismo ma anche dall’Italia repubblicana, di più di centomila soldati trentini e giuliani che nell’agosto del 1915 andarono a combattere per l’Impero austroungarico di cui erano sudditi. E vanno a morire sul fronte russo, al di là dei Carpazi, in Galizia, oggi Polonia e Ucraina. Nessuna croce che li ricordi.

n

Rumiz Paolo, Il bene ostinato, Feltrinelli.
Scritta da Rumiz nel suo impareggiabile stile è la storia di una pattuglia di medici italiani, inquadrati nella più brillante e meno nota e mai discussa, delle nostre Organizzazioni non governative, Medici con l'Africa Cuamm. (Collegio Universitario Aspiranti e Medici Missionari). Dal 1950 essi operano in sette paesi: Angola, Etiopia, Kenya, Mozambico, Sudan, Tanzania e Uganda. Paolo Rumiz indaga e racconta un mondo poco conosciuto, composto da singolari emigranti, professionisti che si sradicano dall'Italia con le proprie famiglie per trapiantarsi in contesti disagiati, spesso pericolosi, sempre impegnativi.

n Saviano, Roberto, Gomorra. Viaggio nell'impero economico e nel sogno di dominio della camorra, Mondadori
Illuminante per capire molti misteri.
n
Scirocco, Alfonso, In difesa del Risorgimento, Il Mulino
n Simone, Raffaele, Il Mostro Mite, Perché l’Occidente non va a sinistra,Garzanti
Attacco ai luoghi comuni della sinistra: ovunque abbia governato ha fallito, le sue parole d'ordine sono svuotate di senso, la sua proposta politica è vaga e spesso incoerente. Soprattutto, non si è accorta di una nuova destra, la neodestra, che ha costruito le sue fortune sul consumo e sul dominio dell'immagine, accantonando gli aspetti più clamorosamente repressivi e reazionari
n
Solamov, Varlam, I racconti della Kolyma, Adelphi
La drammatica testimonianza di diciassette anni di orrore passarti nelle prigioni e nei lager sovietici. Per non dimenticare.
n

Sommella Roberto, L’euro è di tutti, e-book, Giovanni Fioriti editore.
Prima i sacrifici e chissà quando i diritti. Si odia l'euro perché si teme il futuro. Ma l'euro è di tutti ed è l'unico futuro possibile. Intanto c’è chi ci ha perso e chi ci ha guadagnato mentre le ricette che le destre xenofobe e razziste vorrebbero imporre sarebbero la fine del sogno comunitario.

n Spataro, Armando, Ne valeva la pena. Storie di terrorismi e mafie, di segreti di Stato e di Giustizia offesa, Laterza
"Armando ne valeva la pena?” è la domanda che rivolse un maresciallo dei carabinieri ad Armando Spataro,il magistrato protagonista della lotta contro il terrorismo interno e internazionale, nonché  della lotta alla criminalità organizzata, al termine di una commemorazione del giudice Emilio Alessandrini assassinato dai terroristi di Prima linea il 29 gennaio 1979. La risposta la da il bellissimo, emozionante, “formativo” libro che lo stesso Spataro ha voluto dedicare a questo interrogativo cominciando proprio col togliere l’interrogativo. Il sottotitolo poi dice il resto su questa testimonianza completa, nobile ed accorata che non può essere ignorata da chi voglia contribuire con l’arma determinante della memoria alla difesa della Giustizia, sinonimo di Civiltà.
n Squizzato, Roberto, Libera Chiesa, Minimum Fax.
Da  don Mazzolari a don Milani, dai preti operai alle comunità di base alle femministe cristiane a chi oggi apre a divorziati e gay. Una contro storia documentata in onore di tutti quelli che han lottato per il rinnovo spirituale della Chiesa di Roma.
n
Stefanoni, Franco, Il Codice del Potere, Melampo Editore
Storie, segreti e bugie della più influente élite professionale, gli avvocati che affiancano e corteggiano il potere economico, finanziario e politico: nome per nome. Vicenda per vicenda.
n
Stella, Gian Antonio, Negri Froci Giudei & Co, L'eterna guerra contro l'altro, Rizzoli
Saggio sul razzismo attraverso episodi antichi e contemporanei che hanno attraversato la storia d’Europa, partendo da una considerazione: la fissazione di essere il cuore della terra, si traduce spesso e quasi sempre in pretesa di egemonia, di «purezza» etnica, o di eccellenza razziale.
n
Tinti, Bruno, Toghe Rotte, Chiarelettere Editore
La giustizia italiana non funziona perché programmata per non funzionare: basta leggere queste cronache di ingiustizia quotidiana per – purtroppo – accettare questo giudizio. Un quadro realistico fino alla brutalità composto da episodi reali raccontati dal Procuratore aggiunto presso la Procura di Torino.
n
Thompson,  Mark, La guerra Bianca, il Saggiatore
La guerra degli italiani agli albori della nazione. Nel 1915 senza una lingua comune, senza un sentimento comune, gli italiani non hanno ancora una solida unità nazionale. La guerra diventa la soluzione e la fucina del Paese. Il prezzo è enorme, devastante, crudele. Si combatte tra le pietre e la beve spesso in una totale mancanza di strategia e perfino di banale tattica.  Su tutto gli intrighi politici che preparano con la loro foga nazionalistica l’avvento del fascismo.
n
Travaglio,Marco e Gomez, Peter, Se li conosci li eviti, Chiarelettere
150 politici sotto la lente. La loro carta d’identità e la storia di quel che hanno detto e fatto. Per capire quello che potranno fare e per parlare di loro sapendo  che quel che si dice è vero. In più: la citazione di una piccola schiera di virtuosi che hanno diritto ad essere ricordati.
n Travaglio, Marco, La scomparsa dei fatti. Si prega di abolire le notizie per non disturbare le opinioni, Il Saggiatore
L’informazione in Italia, salvo rarissime eccezioni, ha del tutto smarrito la sua funzione originaria e sono spesso le opinioni a trasformarsi in fatti, che nella coscienza collettiva si radicano come tali senza mai esserlo stati.
n
Trevelyan, George M., La rivoluzione inglese del 1688-89, Il Saggiatore.
L'autore racconta fatti, cause e concause di una rivoluzione che contribuì a fondare i diritti dell'uomo e del cittadino e che fu all'origine della democrazia parlamentare. Mentre lasciava sussistere il re come fonte del potere esecutivo, lo assoggettava alla legge, che da allora in poi giudici indipendenti e inamovibili avrebbero interpretato, e soltanto un atto del Parlamento avrebbe potuto alterare.
n

Vanoli Alessandro, Quando guidavano le stelle, il Mulino.
Un “viaggio sentimentale nel Mediterraneo” che segue le rotte di una storia secolare riallacciando genialmente il passato e il presente  con il pregio di una scrittura perfetta. E che ci fa ritrovare città, personaggi, leggende (e tragedie) sulle quali è costruita  la nostra memoria e la nostra identità. Il testo di Alessandro Vanoli accompagna il lettore in un viaggio avvolgente con la sua capacità di unire competenza e passione, come, del resto, ogni navigazione richiede.

n

Vecchi Davide, Matteo Renzi, la vera storia, Chiarelettere editore.
Corredata di documenti la storia di Matteo Renzi, Dei soldi dell’ autofinanziamento, dell’intesa con Berlusconi e Verdini, della sua famiglia. Dei fedelissimi e delle indagini della Corte dei Conti.

n
Vecchio, Concetto, Vietato Obbedire, BUR – Rizzoli
Il momento storico della nascita (1962) della facoltà di Sociologia a Trento (la prima università del dissenso) ricostruito con l’ausilio del racconto dei suoi protagonisti: il ritratto della stagione che anticipa  e prefigura la ferocia della lotta armata
n Vitale, Serena, L’imbroglio del Turbante, Mondadori.
Le straordinarie, vere, storie incrociate di un italiano e di un ceceno negli anni che precedono di poco la Rivoluzione francese per capire il declino del grande Impero Ottomano, del “secolo d’oro”, il XVIII: per capire il presente.
n Zagrebelsky, Gustavo, Scambiarsi la veste. Stato e Chiesa al governo dell'uomo, Laterza
Nella storia plurimillenaria dei rapporti fra politica e religione “si intrecciano conflitti e connivenze: conflitti per la pretesa della religione di diventare politica e della politica di diventare religione o, quantomeno, per la pretesa dell'una di piegare l'altra alle proprie finalità; connivenze nel darsi reciproci sostegni, offrendo doveri religiosi a sostegno di obbligazioni civili, e obbligazioni civili a sostegno di doveri religiosi".
n Ziedan, Youssef, Azazel, Neri Pozza
La vita e le avventure di un monaco cristiano del Quinto secolo dopo Cristo. Il ritratto dell’intera cultura mediterranea tra Alessandro e Gerusalemme, Efeso e Aleppo. Questo libro ha avuto il premio per il miglior romanzo in lingua araba nel 2008.

HOME